home

In copertina IL MARE ADRIATICO

“La mia era una città di mare, ancora odorosa di catrame e di spezie, di fritti e di maree. Il mare era limpido come cristallo, brulicante di pesci, e il cielo era puro, attraversato da uccelli, ma tutto questo non fa la felicità degli uomini. Il destino (o la stupidità) l’ha svuotata lasciandola intatta e identica per anni e anni. Sono cambiati i nomi delle vie ma non i numeri. E’ cambiata la lingua della gente che l’ha di nuovo riempita di arti e mestieri, gioie e dolori, ma i muri e i moli sono rimasti gli stessi. Guai a tornarci: sarebbe come perdere la memoria coltivata a lungo, con tenerezza.” Sergio Endrigo

Vai a “1947 /Il ricordo”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...