#Milanoricorda

MILANO, “la città dove tutto è cominciato” con la strage di Piazza Fontana il 12 dicembre 1969 e con le prime rivendicazioni nelle fabbriche.  MILANO colpita al cuore, con gli attacchi agli uomini simbolo dell’industria, dell’informazione, della legalità. MILANO attraversata, da violenza e terrorismo, fra scontri di piazza e manifestazioni. MILANO coinvolta, nelle sue più alte istituzioni e nelle persone comuniin uno dei periodi più bui e dolorosi della nostra Repubblica. #Milanoricorda per non dimenticare, e per raccontare a chi non c’era un periodo che la riguardò per oltre un decennio, piegandola al terrorismo dei cosiddetti ‘Anni di Piombo’.

Tre appuntamenti con la lettura: storie di Narrativa ispirate a quegli anni presentate dai loro autori. Conduce Enrico Pandiani.

Vai alla pagina #Milanoricorda  per più Info. Vedi  il Programma

redlog

Designed by Eugenio Pacchioli

Annunci

#Torinoricorda 1/10/1977

Sabato 1 ottobre un nuovo appuntamento con la memoria degli anni di piombo.

#Torinoricorda  il  1 ottobre 1977,  giorno di manifestazioni e disordini in cui  una frangia estremista di manifestanti lancia bottiglie incendiarie all’interno di un locale di Via Po, il bar L’Angelo Azzurro. Nel rogo perde la vita Roberto Crescenzio, poco più che ventenne.

Appuntamento sabato 1 ottobre alle 17:30 all’Xò Café Club di Via Po 46 per ricordare, con: Diego Novelli, sindaco di Torino all’epoca dei fatti e Francesco Gianfrotta, PM nel pool dei processi a Prima Linea e alle Bierre.

Le letture sono firmate da Stefano Caselli e Davide Valentini

Seguirà  APERITIVO sulle note della musica che risuonava in quegli anni

Leggi il comunicato stampa

Prenota scrivendo a info@ocralab.org  tel 320 9438634

#Torinoricorda Gli Anni di Piombo è un Progetto

ocralab012

 

#Torinoricorda 09/03/1979

“Un’altra giornata di terrore e di sangue […]. Un commando di Prima Linea composto da sette persone dopo aver sequestrato cinque persone in un bar di Via Millio ha teso un agguato alla polizia telefonando in Questura:  ‘Venite abbiamo preso un ladro’. Quando la polizia è arrivata i terroristi hanno aperto  il fuoco. Nello scontro […] uno studente di 18 anni, Emanuele Iurilli, che rincasava, ha perso la vita.”

Così scriveva La Stampa , il 10/03/1979, il giorno dopo i tragici avvenimenti di Via Millio, ripercorsi ieri nell’incontro svoltosi nella Sala consiliare della Circoscrizione 3 della città di Torino con l’introduzione del  presidente di Circoscrizione Francesco Daniele, e il contributo dei Testimoni dei fatti: l’allora Sindaco Diego Novelli e il  PM di turno quel giorno, un giovane Francesco Gianfrotta, Presidente della sezione GIP del Tribunale di Torino solo fino allo scorso 31/12/2015 . Le loro parole hanno reso il servizio alla memoria che solo chi ha vissuto per esperienza diretta i fatti può restituire, e descritto la deriva di un ‘progetto rivoluzionario’ che una morte ‘assurda’ come quella del giovane studente torinese, spietatamente racconta. Non ‘tragici incidenti’ non ‘errori tecnici’, ha ricordato Gianfrotta,  solo una ‘inesauribile spirale di violenza’ che quel 1979 aveva ormai raggiunto.

Gli studenti dell’Istituto tecnico aeronautico Carlo Grassi  hanno chiuso l’incontro con un omaggio a Emanuele: la lettura di alcuni brani da Una questione privata e Partigiano Johnny di Beppe Fenoglio, l’autore sul quale Iurilli stava preparando la sua tesina di maturità; una poesia; il video sul ‘come eravamo’ in quel 1979 Vedi il video su youtube

2016-03-09 11.53.13      2016-03-09 11.55.28

#Torinoricorda: secondo appuntamento

Nella notte tra il 14 e il 15 dicembre 1978 Salvatore Lanza e Salvatore Porceddu della Polizia di sicurezza, sono di guardia sotto le torrette delle Carceri Nuove. Alle 5,40 una 127 rossa si avvicina al furgoncino 850 in cui siedono i due agenti, e fa fuoco, trivellandoli di colpi. Avevano entrambi 21 anni. Una telefonata alla Gazzetta del Popolo rivendicherà poco dopo il fatto: “Siamo le Bierre. Abbiamo appena compiuto un attentato contro la scorta delle Nuove con logica di annientamento’”.

LUNEDì 14/12 alle ore 18:30 presso la Libreria Torre di Abele in via Pietro Micca 22  #Torinoricorda ’14-15 dicembre 1978′. Secondo appuntamento del ciclo ‘Torino ricorda gli Anni di Piombo’ a cura di Ocra Lab Idee per comunicare. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Prenotazioni al 320 9438634 – info@ocralab.org. PIU’ INFO QUI

Segui la Narrazione sulla pagina fb dell’evento

#Torinoricorda Gli Anni di Piombo è un Progetto

ocralab013

Prende il via ‘Torino ricorda gli Anni di Piombo’

Incontri periodici ‘aperti alla città’  in coincidenza di DATE DI MEMORIA, SULLE TRACCE DEGLI ANNI DI PIOMBO nella narrativa, nella cronaca, nei luoghi simbolo. LETTURA E MEMORIA INSIEME PER UN UN NUOVO PROGETTO OCRA LAB

PRIMO APPUNTAMENTO LUNEDì 16 NOVEMBRE: SI RICORDA IL 16/11/1977, L’ATTENTATO A CARLO CASALEGNO,   Più Info e Prenotazioni QUI

#Torinoricorda Gli Anni di Piombo è un Progetto

ocralab013

#prendilaparola

annispietati_cover

Con la lettura di Anni Spietati, libro cronaca dei fatti di Terrorismo avvenuti a Torino negli anni ’70,  scritto da Stefano Caselli e Davide Valentini, a maggio 2015 abbiamo inaugurato il gruppo di Lettura sugli Anni di piombo, collegato a Storie che raccontano la storia  – http://www.ocralab.org/storieche – progetto di memoria per il museo delle carceri Nuove di Torino